In questi ultimi anni, nei quali i capolavori Disney sono per tutti a portata di un click, è bello ricordare quel passato in cui questi film erano elusivi, si poteva solo vederli al cinema, riproposti a rotazione più o meno ogni sette anni. Oggi con DVD, Blu-ray e Disney+, possiamo vedere in casa ogni classico Disney in ogni momento, una volta invece nelle case, per mantenere il ricordo dell’esperienze cinematografica, potevano solo entrare una serie di oggetti che ci facevano rivivere in parte le emozioni di quei film che però rimanevano opere inaccessibili.
Negli articoli della serie Disney in Casa, ripercorrerò la storia di tanti di quegli oggetti che facevano felici i bambini di una volta, dai dischi in vinile, con le storie raccontate e cantate, ai filmini Super 8, dalle prime VHS ai libroni Mondadori che spesso contenevano illustrazioni fatte usando i fotogrammi originali e che erano una luce per gli occhi.

A metà degli anni ’50 Arnoldo Mondadori Editore inizia la pubblicazione annuale di una collana di libri con storie illustrate per ragazzi chiamata Carosello.

La serie che inizia con volumi dedicati ai personaggi Disney, viene prima integrata anche con libri con versioni “non Disney” di fiabe, favole e racconti classici e in seguito anche con storie dedicate ai personaggi popolari di Hanna & Barbera come Gli Antenati e L’orso Yoghi. In questo articoli ci occuperemo ovviamente solo dei volumi a tema Disneyano.

La serie era indubbiamente prestigiosa, sia per il prezzo elevato per l’epoca di circa tremila e cinquecento lire che per il numero di pagine che componevano questi volumi, sempre superiori alle 250 pagine.

Per quanto riguarda le illustrazioni molte erano tratte da libri Disneyani americani dell’epoca, mentre altre erano made in Italy, come anche alcune delle copertine, firmate fra gli altri da Giovan Battista Carpi, giustamente ritenuto un maestro tra i disegnatori e fumettisti Italiani che ideò una serie di personaggi propri e lavorò molto per la Disney Italiana dalla fine
degli anni 50.

Dei libri esistono varie ristampe, dato che la serie è stata in vendita per circa venti anni, fino a metà degli anni ’70. A parte guardare la data di stampa riportata all’interno del tomo, è facile riconoscere le prime edizioni perchè le sulla costa hanno tutti colori e stili diversi. In seguito, a partire dalle uscite di fine anni 60, la costa di tutti i volumi verrà unificata, dandogli più chiaramente l’aspetto di una collana, usando la caratteristica grafica a quadretti multicolore che renderanno questa serie riconoscibilissima.
I primi volumi sono ovviamente quelli più ristampati, rimanendo in catalogo per piu’ di 10 anni, arrivando anche ad otto edizioni. Molte delle immagini di copertina verranno leggermente modificate nelle varie ristampe.

I volumi Disney sono 13 e contengono storie prese da tutta la produzione Disneyana, dai corti di Topolino e Paperino alle Silly Shymponies. Dai classici di animazione e le produzioni live action ai famosi documentari. Molte sono prese dai famosi Little Golden Books o da altri libri usciti negli Stati Uniti, ma il tutto viene inserito in un “pacchetto” originale Italiano, prodotto ben tratto e ben curato nell’edizione da Guido Martina e Mario Gentilini.

Ma veniamo alla prima uscita, che risale al Settembre del 1957 e si intitola La Grande Tribù, che a riguardarlo oggi presenta una copertina con fascino molto vintage. Le teste di vari personaggi Disney, disegnati in modo un pò caricaturale appaiono su uno sfondo di un cielo grigio accanto a delle stelle.

Questo volume contiene molte storie e mini storie riprese da libri americani che ispirano a cortometraggi e Silly Symphonies degli anni quaranta fra i quali ricordiamo, Il Vecchio Mulino, Il Brutto Anatroccolo ed I Tre Porcellini con una traduzione curata da Guido Martina.

Dopo qualche riedizione, viene cambiato l’artwork di copertina, con i fab five in versione anni trenta sul fronte e i tre lupetti di Ezechiele sul retro, rendendolo graficamente più accattivante.

Il grande successo di questo volume porta nel 1958 all’uscita del seguito intitolato Le Nuove Avvenuture della grande Tribù che in copertina ha un’illustrazione un pò strana con Biancaneve e i sette nani, Topolino e i due amigos Paperino e Jose Carioca, le cui teste escono da una cassa/forziere.

Questo volume è ancora più appetitoso del precedente, perchè presenta storie più lunghe e con personaggi più famosi. Ricordiamo fra queste “il ritorno di Biancaneve”, un racconto che si svolge dopo la fine del film, con i nani indaffarati a prepararsi per accogliere la loro principessa che sarebbe tornata in visita. I nerd più grandi di età noteranno che l’outfit di Biancaneve in queste illustrazioni è quello che ha ispirato il look del pupazzo di plastica Ledra prodotto e distribuito proprio negli stessi anni.

Nel 1959 escono invece non uno, ma ben due libri; Quello dedicato alle principesse, La Bella Addormentata Nel Bosco – Cenerentola – Biancaneve con copertina disegnata da Carpi uscito a Luglio e La grande tribu’ alla corte di Re Artù sempre con copertina di Carpi uscito ad Agosto.

Nell’agosto del 1960 esce Pecos Bill e la grande Tribù mentre nel 1961 a Settembre abbiamo I 4 Filibustieri con copertina sempre di Carpi.

L’ottobre del 1962 ci porta L’allegra brigata di Paperopoli, forse la meno interessante di tutte le uscite, con storie un po’ debolucce e inventate su Paperino ed altri paperi ed illustrazioni non proprio eccezionali.

Nel Giugno 1963 da Il giro del mondo di Topolino & co. con copertina di Giorgio Bordini, altro maestro del fumetto Italiano che collaborò a Topolino a partire dagli anni ’60, che vede i personaggi in viaggio in vari paesi per l’epoca esotici, come la Gran Bretagna e l’Australia. Nella prima stampa lo sfondo di copertina è grigio, mentre nelle ristampe successive diventa bianco.

Per il nono libro Disney della collana Carosello si ritorna a fare riferimento al termine tribù, che confonde non poco chi scrive. Esce a Settembre 64 e si chiama Il circo della grande Tribù

A Marzo 1965 esce Gli allegri Masnadieri con copertina di Bordini e a Settembre 1967 troviamo nelle librerie Paperino ora X. Paperino è di nuovo protagonista nell’ottobre 1968 di Il bello, il brutto e Paperino.

Nel Settembre 1969 ese Disneyrama, che presenta storie con fotogrammi di film con attori o classici animati e che quindi differisce un po’ dalla formula classica. Gli ultimi tre libri usciti Mago Merlino Show uscito a Settembre 1970, Qui ci Vuole Topolino 1971 e Disney Fiabe 1973

Questa collana rimane come testimonianza di quello che i bambini degli anni ’60 e ’70 potevano portarsi a casa dell’universo Disney e con cui potevano intrattenersi.

Erano libri magici che con le loro parole permettevano di entrare nel mondo della fantasia e del fantastico e sono molto piacevoli da rileggere e sfogliare ancora oggi.

Vi lascio qui sotto la bibliografia delle prime edizione dei Carosello Disney seguita da un’altra bibliografia parziale di ristampe.